La luce del sole! L’equilibrio tra benessere e danno

I nostri corpi sono predisposti per fare buon uso della luce del sole.

La luce del sole aiuta a mantenere i nostri ritmi di sonno in modo da rimanere svegli di giorno e dormire la notte. Prendere troppo poco sole, soprattutto nei mesi invernali, può lasciare alcune persone soggette a una forma di depressione nota come disturbo affettivo stagionale.

La luce solare aiuta anche la nostra pelle a produrre vitamina D, necessaria per la normale funzione e salute delle ossa. Eppure anche la luce del sole può causare danni.

La luce solare viaggia sulla Terra come una miscela di raggi o onde visibili e invisibili. Le onde lunghe, come le onde radio, sono innocue per le persone. Ma le onde più corte, come la luce ultravioletta (UV), possono causare problemi. I raggi UV più lunghi che raggiungono la superficie terrestre sono chiamati raggi UVA. Quelli più corti sono chiamati raggi UVB.

Troppa esposizione ai raggi UVB può arrecare danno. I raggi UVA possono penetrare più in profondità nella pelle rispetto ai raggi UVB, ed entrambi possono influire sulla salute della pelle. Quando i raggi UV entrano nelle cellule della pelle, sconvolgono i processi delicati che ne influenzano la crescita e l’aspetto. Nel tempo, l’esposizione a questi raggi può rendere la pelle meno elastica, si può persino ispessire e coriaceare, diventare quindi rugosa o assottigliare come carta velina.

“Più esposizione al sole si ha, prima la pelle invecchia”, afferma il dott. Barnett S. Kramer, esperto di prevenzione del cancro presso NIH.

“Quando ci si espone alle radiazioni ultraviolette, c’è un processo di riparazione che avviene costantemente in ciascuna delle cellule esposte”, afferma il dott. Stephen I. Katz, direttore del National Institute of Arthritis and Musculoskeletal and Skin Diseases del NIH. Tuttavia, anche se non tangibili da noi possono rimanere danni a lungo termine alla pelle. Invecchiando, diventa più difficile che essa possa auto ripararsi. Nel tempo, i danni causati dai raggi UV possono mettere a dura prova la pelle e il tessuto connettivo sottostante. Di conseguenza, la pelle può sviluppare più rughe. Troppa esposizione al sole può anche aumentare il rischio di cancro della pelle. Quando la luce UV entra nelle cellule della pelle, può danneggiare la traccia genetica (DNA) all’interno. Il danno al DNA può causare cambiamenti alle cellule che le fanno crescere e dividere rapidamente. Questa crescita può portare a grumi di extracellule: tumori o lesioni. Questi possono essere cancerogeni (maligni) o innocui (benigni).
Il cancro della pelle può apparire inizialmente come una piccola macchia sulla pelle. Alcuni tumori raggiungono in profondità il tessuto circostante. Possono anche diffondersi dalla pelle ad altri organi del corpo. Ogni anno, più di 2 milioni di persone vengono curate per 2 tipi di cancro della pelle: carcinoma basocellulare e carcinoma a cellule squamose. Questi tumori sono osservati sia nelle persone anziane che in quelli più giovani e raramente sono pericolosi per la vita. Il melanoma è un tipo di cancro della pelle meno comune ma più grave che viene diagnosticato in più di 68.000 americani ogni anno. Ad altri 48.000 viene diagnosticata una forma precoce della malattia che coinvolge solo lo strato superiore della pelle. I melanomi derivano dalle cellule che forniscono pigmento (colore) alla pelle. Il rischio di melanoma è maggiore se i membri della tua famiglia hanno avuto un cancro della pelle o se hai già avuto il melanoma o altri tumori della pelle. Un importante fattore di rischio per il melanoma è avere un gran numero di nei o averne grandi con forme irregolari. Anche le scottature solari, specialmente durante l’infanzia, possono aumentare il rischio di melanoma.
“Uno dei principali fattori che influenzano la salute della pelle è la genetica, che determina il contenuto di pigmenti della pelle. Ciò influisce sulla protezione dalla luce solare naturale”, spiega Katz. Sebbene le persone dalla pelle più scura abbiano un rischio inferiore di danni e malattie legati al sole, le persone di tutte le razze e colore della pelle possono ancora contrarre il cancro della pelle. “Alcune mutazioni genetiche contribuiscono all’insorgenza del melanoma in alcune persone. L’incidenza del cancro della pelle (non melanoma) è minore negli afroamericani, nelle persone del Medio Oriente o persino negli asiatici del Vicino Oriente”, afferma Katz. Il modo migliore per proteggere la salute della pelle e prevenire il cancro della pelle è limitare l’esposizione al sole. Evitare l’esposizione prolungata,stare all’ombra piuttosto che alla luce diretta del sole. Indossare indumenti protettivi e occhiali da sole e utilizzare la protezione solare tra le 10:00 e le 16:00. La protezione solare è particolarmente importante in quel momento, quando i raggi del sole sono più intensi. “Il momento determinante per la protezione dal sole è l’infanzia“, afferma Kramer. “Il messaggio per i genitori è che il momento mi gliore  di iniziare a proteggersi  dai danni alla pelle che potrebbe causare la sovraesposizione al sole, è quando il bambino sta sviluppando le sue abitudini“. Da aduldi evitiamo assolutamente l’utilizzo dei lettini abbronzanti.

Allegati