Vaccino anti covid-19, conosciamolo meglio!

vaccino-covid19-- Bioiris®

Ormai da circa un anno a questa parte argomento principale di tutti i media è il COVID-19, malattia causata da un virus respiratorio, SARS-CoV-2, appartenente alla famiglia dei Coronaviridae, genere Betacoronavirus.

Si tratta di un virus che provoca delle infezioni generalmente a livello del tratto respiratorio.
Se l’infezione si localizza a livello delle vie aeree superiori allora la malattia si risolve con raffreddore, mal di gola, tosse, potrebbe verificarsi un lieve innalzamento della temperatura, e tra i sintomi più comuni perdita di olfatto e gusto.

La malattia potrebbe anche evolvere in maniera del tutto asintomatica. Ci sono però dei casi in cui la malattia ha un decorso negativo che richiede ospedalizzazione e dunque ricovero in terapia intensiva o sub-intensiva.
Sebbene si tratti di un virus di relativa recente scoperta, la medicina e la ricerca scientifica hanno fatto passi da gigante nello sviluppo di diverse tipologie di vaccino anti covid-19.

Cerchiamo però di conoscere meglio questa nuova tipologia di vaccino, e di rispondere alle più frequenti domande in merito che stanno spaventando buona parte della popolazione mondiale.

Cosa c’è nel vaccino anti covid-19? Cosa mi iniettano?

L’elemento principale che costituisce il vaccino è una molecola di mRNA virale contenuta all’interno di vescicole costituite da lipidi, ovvero grassi, che hanno la funzione di trasportare questa molecola all’interno delle nostre cellule, saccarosio e sali.

Una volta che questo mRNA entra nelle cellule, alcuni organelli chiamati ribosomi provvedono alla sintesi della proteina corrispondente. Questa proteina verrà riconosciuta come estranea dal nostro organismo scatenando una risposta immunitaria con conseguente produzione di anticorpi.

Dopo qualche giorno dalla somministrazione l’mRNA viene degradato.

Il vaccino anti covid-19 può modificare il mio DNA?

Assolutamente no. In primis perché l’mRNA non entra all’interno del nucleo delle cellule, dove appunto è contenuto il DNA. In secondo luogo esso viene degradato abbastanza velocemente dopo aver svolto il suo compito.

Il vaccino anti covid-19 è stato progettato in breve tempo, non mi fido! Anche in questo caso è necessario smentire.

Si tratta di una nuova tecnologia sicuramente, ma che proviene da anni ed anni di studi scientifici. Il vaccino è stato sì progettato in breve tempo, ma ha rispettato tutte le fasi di sperimentazione e ha risposto positivamente ai trials clinici messi in atto.

Ho paura degli effetti collaterali, per questo non lo faccio.

Teniamo presente che qualsiasi cosa assumiamo, a partire dalla semplice tachipirina può avere effetti indesiderati anche gravi. Gli effetti collaterali maggiormente riscontrati per questo vaccino possono essere dolore, gonfiore del sito di iniezione, potrebbe comparire la febbre. Per le persone allergiche gravi il discorso cambia in quanto per tali persone non è possibile effettuare il vaccino.

Se faccio il vaccino posso prendere il virus come effetto collaterale?

Assolutamente no, all’interno del vaccino non c’è il virus, bensì solo una sua parte, quella responsabile della stimolazione del sistema immunitario.

Perché fare due dosi?

Dopo la prima dose posso comunque contrarre il virus quindi il vaccino è inutile!

Due dosi sono necessarie per raggiungere una risposta immunitaria completa, e che fornisca protezione al 100%, ma attenzione fare il vaccino non vuol dire tana libera tutti. Il vaccino è necessario affinché si possa raggiungere la famosa immunità di gregge che ha come scopo finale debellare il virus.

Per cui per riavere la vita di prima sarà necessario ancora attendere, e avere lo stesso livello di attenzione rispettando le regole di distanziamento sociale, mascherina, lavare spesso le mani.