Prostaglandine-with-Food

Quante volte abbiamo sentito parlare delle Prostaglandine, dal proprio medico di fiducia, o ascoltando programmi medici in televisione, o leggendo magari riviste?

Ma cosa sono le prostaglandine?

E perché è importante, insieme con altri parametri, tenerne sotto controllo i valori mediante analisi del sangue?

Le prostaglandine sono un gruppo di molecole chimiche che vengono sintetizzate a livello del nostro organismo a partire dagli acidi grassi.
In particolare i grassi precursori delle prostaglandine sono gli acidi grassi omega.
Questi grassi sono definiti essenziali, ovvero il nostro organismo non riesce a sintetizzarli da sé, per cui dobbiamo assumerli attraverso l’alimentazione.
Gli acidi grassi omega più comuni sono gli omega 9 che ritroviamo principalmente a livello dell’olio di oliva, come pure gli omega 6 che sono presenti anche nell’olio ricavato dai semi di lino. O ancora i ben noti omega 3 che ritroviamo abbondanti nel pesce.
Avere nell’organismo dei buoni livelli di grassi omega e assumerne ogni giorno con regolarità ed in dosi non eccedenti è fondamentale per il corretto funzionamento del nostro organismo nel complesso, in particolare poi essi garantiscono la biosintesi delle prostaglandine.

Biosintesi delle prostaglandine
Biosintesi delle prostaglandine

Una delle principali funzioni in cui sono coinvolte le prostaglandine è la funzione infiammatoria. Un eccesso nella sintesi delle prostaglandine nel nostro organismo genera l’insorgenza  un’infiammazione. In questi casi  assumiamo un farmaco antinfiammatorio che placherà l’infiammazione e i sintomi dell’infiammazione bloccando la sintesi delle prostaglandine.
Un altro fondamentale ruolo delle prostaglandine è quello di regolare la secrezione dei succhi gastrici, pertanto assumendo una qualsiasi tipologia di farmaco antinfiammatorio è opportuno proteggere lo stomaco.

prostaglandine e succhi gastrici bioiris®

Altra funzione in cui sono coinvolte le prostaglandine è la regolazione della contrazione della muscolatura liscia.

Esse intervengono nelle fasi del parto come stimolanti la contrazione della muscolatura liscia uterina. Questo stesso effetto di regolazione della contrazione della muscolatura liscia si esplica anche a livello dell’apparato cardiovascolare, dunque esse sono implicate nella regolazione della pressione sanguigna, nei fenomeni di aggregazione piastrinica, nel processo di coagulazione del sangue.

Dunque ogni cellula dell’organismo necessita di avere sempre a disposizione la giusta quantità di prostaglandine.

Una volta che esse hanno svolto il loro ruolo devono andare incontro a normali processi di degradazione all’interno del nostro organismo.

Elevate quantità di prostaglandine in circolo potrebbero avere dei gravissimi effetti negativi. Infatti esse vengono utilizzate come farmaci in due casi estremi, stimolare

il parto o indurre aborto.

Ogni singola molecola sintetizzata dal nostro organismo ha una sua specifica ed essenziale funzione. Ed è importante far sì che il nostro organismo possa mantenere un giusto equilibrio in questa serie di processi che ci garantiscono la vita.