Botulismo, malattia a trasmissione alimentare. Cos’è e come affrontarlo.

botulism by Bioiris®

Il Clostridium botulinum è un germe responsabile di una nota malattia a trasmissione alimentare che è il botulismo. Si tratta di una intossicazione alimentare, trasmessa appunto per via gastro-enterica, ma che colpisce il sistema nervoso.
Responsabile della malattia non è direttamente il clostridio in quanto tale, quanto piuttosto una tossina prodotta da esso che è una esotossina.

Il Clostridium botulinum è un germe che vive come saprofita nel nostro intestino (e nell’intestino dei mammiferi in generale), fa parte della  flora intestinale, e normalmente non arreca danni. Come è possibile che un germe può essere per noi innocuo e allo stesso tempo responsabile di una malattia che può condurre alla morte?
La risposta sta nel fatto che la temperatura ottimale affinché il germe possa produrre la sua tossina letale è 25°C.

Il nostro organismo ha normalmente una temperatura media di 37°C, tale da impedire quindi la liberazione della tossina.

botulism by Bioiris®Come può accedere all’ambiente esterno il clostridio ?

Il processo è semplice e naturale.

Vivendo il germe nel nostro intestino esso può essere espulso attraverso le feci e ciò permette che  si ritrovi nell’ambiente esterno.


Ma come può l’uomo ammalarsi di botulismo?

La tossina può trovarsi su ortaggi o vegetali che utilizzeremo per fare conserve sott’olio.

botulismo by Bioiris®
Se chiaramente le condizioni igieniche con cui conserviamo i cibi non sono ottimali, il germe contaminerà il barattolo della  conserva, dove si stabilirà la giusta temperatura e la condizione di assenza di ossigeno (dovuta alla presenza dell’olio della conserva), per cui esso potrà libererare la tossina.

Se mangiamo quel cibo contaminato allora ci ammaleremo.

 

botulismo by Bioiris®

 

Attenzione però perché dei particolari accorgimenti eviteranno tutto questo. Quando il germe produce la sua tossina, innanzitutto il cibo contaminato presente una schiuma di colore biancastro, e inoltre acquisirà un particolare cattivo odore. Tutto ciò deve metterci in allerta.

Il periodo di incubazione della malattia  è di 12-36 ore

Trattandosi di una intossicazione alimentare, i primi sintomi sono a carico dell’apparato gastro-enterico: dolore, vomito, stipsi, secchezza della bocca.

Successivamente il germe libera la tossina che è neurotossica, raggiunge il sistema nervoso dove avrà l’effetto di bloccare la trasmissione sinaptica.

Dunque compaiono i sintomi della malattia conclamata: paralisi della muscolatura oculare, paralisi della muscolatura faringea, linguale e del diaframma.

La morte sopraggiunge dopo 5-10 giorni per arresto cardiovascolare.

Trattandosi di una intossicazione letale, se c’è anche solo il dubbio di aver contratto la malattia bisogna ricorrere ad un siero terapeutico, ovvero un siero con una concentrazione elevata di anticorpi che andranno ad eliminare la tossina e il germe.

Una giusta precauzione sarebbe quella che tutti i membri della famiglia , o comunque a tutti coloro che hanno il dubbio di aver consumato l’eventuale cibo incriminato, si sottopongano al siero terapeutico.

Il botulismo è una malattia per c’è obbligatorietà di notifica da parte del medico, alle autorità competenti, della presenza di un caso di malattia.

Questa patologia, così come la maggior parte delle malattie a trasmissione alimentare, può essere prevenuta attraverso accorgimenti molto semplici che riguardato un elevato livello di igiene quando si manipolano gli alimenti sia acquistati che prodotti da noi stessi.

Solo attraverso semplici regole applicate nella quotidianità si può salvaguardare il bene più prezioso: la nostra salute.