Obesità, un fattore di rischio per la nostra salute

sovrappeso

Al giorno d’oggi la vita è piuttosto frenetica, abbiamo sempre fretta a causa dei mille impegni di lavoro, studio, famiglia, amici.

Ci manca il tempo da dedicare a noi stessi e alle nostre abitudini, che molte volte proprio a causa di questa frenesia diventano sbagliate.

Una delle peggiori abitudini assunte, e che hanno comportato cambiamenti negativi nella popolazione quasi mondiale è l’assunzione di cibo spazzatura. Molte volte per piacere, altre per convenienza, ci ritroviamo ad assumere calorie vuote, prive di nutrienti essenziali, e cariche di grassi.

Tutto ciò si traduce in un incremento delle malattie cardiovascolari e degenerative, associate ad un incremento del peso corporeo che talvolta sfocia in vera e propria obesità.

Purtroppo ad oggi è stato studiato che l’obesità è un fattore di rischio per lo sviluppo di tumori, in quanto il tessuto adiposo in eccesso produce molecole proinfiammatorie.
Circa il 15% delle neoplasie mondiali sono riconducibili ad un eccesso ponderale. Un dato piuttosto inquietante se ci pensiamo.

obesità e salute

Quando parliamo di obesità stiamo parlando di una vera e propria patologia, che deve necessariamente essere curata. Il termine stesso obesità, indica un eccessivo accumulo di grasso corporeo, in punti differenti dell’organismo. Questo eccesso di tessuto adiposo è poi associato ad altre conseguenti problematiche che possono insorgere.

Ma uno dei problemi che desta maggiore preoccupazione è l’incremento spaventoso dell’obesità infantile. Secondo i dati ISTAT il 34% dei bambini italiani è obeso. Chiaramente il senso di fame è un qualcosa di fisiologico per l’organismo, regolato dalla produzione di ormoni, tra cui uno dei principali è la grelina. Inoltre a livello dell’ipotalamo, ovvero una delle ghiandole del nostro organismo, è presente il cosiddetto centro ipotalamico della fame, che se stimolato provoca afagia (riduzione del senso di fame), se inibito iperfagia (aumento del senso di fame).

Dunque l’obesità è un problema in crescente aumento nella popolazione italiana, ma in generale nei paesi occidentali. È assolutamente necessario modificare nel miglior modo possibile, con l’aiuto di esperti nel settore la nostra alimentazione e stile di vita, allo scopo di salvaguardare il nostro benessere fisico, psichico e mentale.